Capitan Leccio

copertinafb

Chi è Capitan Leccio?
Un eroe senza macchia (a parte quelle di cioccolato) e senza paura?
Ma non diciamo tavanate!
Capitan Leccio è un eroe atipico. Lui si crea (per carità senza farlo apposta) da solo i suoi nemici. Attraverso le sue azioni, più o meno sempre sbagliate, produrrà per il lettore una serie di mostri, mucche, calcolatori impazziti che gli daranno battaglia.
Dopotutto chi non sarebbe arrabbiato con lui?

In una immaginifica Torino, Capitan Leccio si troverà quindi in situazioni più o meno simpatiche, più o meno intricate per cercare di sconfiggere i suoi nemici.
Vi ritroverete, leggendo le pagine di Capitan Leccio, a tifare per il cattivo.
Dopotutto si tifa sempre per chi si pensa abbia ragione e in questo caso son sempre i cattivi.

Cosa particolare di questo fumetto è che è lo stesso Capitan Leccio che disegna e colora le sue pagine del fumetto. Quindi in fin dei conti è un cantastorie. Bisogna prendere con le pinze allora un po’ tutte le storie e guardarle con scetticismo, poichè magari chi le sta inchiostrando sta ingigantendo un po’ le sue gesta. Magari, chissà son tutto frutto di una fantasia oppure sono un lascito per l’umanità di un Supereroe un po’ folle e un po’ ottuso.

Questo lo si saprà col tempo.
________________________________________________________________

I cattivi di CAPITAN LECCIO è un fumetto disegnato a quattro mani da Andrea Marengo e Alessio Casagrande. Due amici e colleghi illustratori che hanno deciso di intraprendere questa avventura per vedere se è possibile uscire dall’anonimato con un prodotto particolarmente sfruttato (come il fumetto del supereroe) ma modificato nell’intimo.
Durante i numerosi (si spera) capitoli della saga di Cap. Leccio i due disegnatori verranno a contatto con altre realtà fumettistiche creando anche lavori a 6 o 8 mani e realizzando collaborazioni preziose.
Ecco i disegnatori, disegnati uno con lo stile dell’altro.Leccio

argent

 

Spammami nella rete come non mai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *